George Pell scriveva in carcere: “La Chiesa ospedale da campo? No, deve mostrare come non ammalarsi”

Sandro Magister ha pubblicato sul suo blog “Settimo cielo” alcuni stralci del diario dalla prigionia in uscita il 15 dicembre. L’ex arcivescovo scriveva: “Il pontefice emerito non dovrebbe indossare la tonaca papale bianca”

Il giornalista Sandro Magister ha pubblicato sul suo blog “Settimo cielo” de L’Espresso alcuni stralci del diario scritto dal cardinale George Pell mentre era in carcere. Pell era stato accusato di uno stupro a danno di alcuni chierichetti nella cattedrale di Melbourne prima di essere prosciolto dall’Alta Corte australiana di Victoria il 7 aprile 2020. Le pagine sono piene di appunti sulla politica – definisce Trump “un po’ un barbaro, ma per certi versi è il ‘nostro’ barbaro (cristiano) – e sulla Chiesa: Pell esprime molti dubbi sulla comunione ai divorziati e risposati come prevista dalle linee guida maltesi e argentine ma riflette anche sul ruolo del papa emerito.
Il libro è edito dalla casa editrice gesuita Ignatius Press e copre i primi 5 mesi della detenzione. Uscirà il 15 dicembre e i suoi ricavi, riporta La Stampa, dovrebbero essere utilizzati per saldare i debiti legali del prelato.

“Nel braccio di Pell c’erano assassini e terroristi”Sandro Magister riassume in poche righe le condizioni della detenzione:

La cella era lunga tra 7 e 8 metri, larga poco più di 2, con il letto, la sedia, il tavolino, il lavabo, il water, la doccia, il televisore. La finestra, con le sbarre e il vetro oscurato, rimaneva sempre chiusa. Nelle celle d’isolamento dello stesso braccio c’erano assassini e terroristi, alcuni dei quali musulmani, e Pell ne udiva sia le preghiere che le grida. Due volte al giorno gli era consentito di uscire per mezz’ora in un piccolo cortile circondato da alte mura, anche lì da solo, ed era questo anche l’unico momento in cui poteva telefonare. Un paio di volte alla settimana riceveva visite e di tanto in tanto una suora gli portava la comunione eucaristica. Non gli era consentito celebrare messa, la messa domenicale la vedeva in televisione.

La Stampa aggiunge che Pell aveva richiesto una sedia più alta ma “il direttore del penitenziario «mi ha spiegato che non voleva essere accusato di avermi dato una sedia più comoda. Io ho risposto che si trattava solo una sedia più alta! Tre sedie di plastica sono state sovrapposte l’una all’altra, il che è stato sufficiente»”.  

Il libro in vendita su Amazon

“Di certo la festa non è finita” – George Pell accenna brevemente anche ad un presunto coinvolgimento vaticano nella campagna scatenatasi contro di lui in Australia durante il processo. Il cardinale spera che non ci sia stato ma “scopriremo se vi sia stato o no” perché “di certo la festa non è finita”.

La comunione ai divorziati e risposati – Magister riporta anche un brano di commento alle decisioni prese a seguito dei due sinodi della famiglia del 2014 e del 2015. Le linee guida pastorali pubblicate in Argentina dopo l’esortazione apostolica del papa “Amoris Laetitia”  “permettevano ai cattolici divorziati e risposati di ricevere la comunione in certe circostanze”, spiegano alcune note redazionali. E papa Francesco “approvò le linee guida di Buenos Aires in una lettera ai vescovi della regione nel settembre 2016”. Pell commenta così:

Ai due Sinodi sulla Famiglia, alcune voci hanno proclamato ad alta voce che la Chiesa era un ospedale da campo o un porto di rifugio. Ma questa è solo un’immagine della Chiesa ed è ben lontana dall’essere la più adatta o rilevante, perché la Chiesa deve piuttosto mostrare come non ammalarsi e come scampare ai naufragi, e qui i comandamenti sono essenziali. Gesù stesso ha insegnato: “Se osserverete i miei comandamenti rimarrete nel mio amore” (Gv 15, 10).

“Il papa emerito non dovrebbe indossare la tonaca bianca” – Sempre nelle anticipazioni, è contenuta una riflessione dell’ex prefetto per la Segreteria dell’Economia sul ruolo del pontefice emerito.

Occorre però che i protocolli sul ruolo di un papa che si sia dimesso vadano chiariti, per rafforzare le forze dell’unità. Sebbene il papa in pensione possa mantenere il titolo di “papa emerito”, dovrebbe essere reinserito nel collegio cardinalizio in modo da essere conosciuto come “Cardinale X, papa emerito”, non dovrebbe indossare la tonaca papale bianca e non dovrebbe insegnare pubblicamente. A causa della riverenza e dell’amore per il papa, molti si sentiranno riluttanti a imporre tali restrizioni a qualcuno che un tempo deteneva la sede di Pietro. Probabilmente tali misure sarebbero introdotte meglio da un papa che non abbia nessun predecessore in vita.

La lettera di McCarrick -Il cardinale australiano ha anche ricevuto “un piccolo biglietto” ricoperto da “minuscole scritte illeggibili” vergate dal cardinale Theodore McCarrick, dimesso allo stato laicale da papa Francesco nel 2019 per le accuse di abusi sessuali.

È stato sempre cortese nei miei confronti ed è stato un abile “fundraiser” (raccoglitore di fondi, ndr) e tessitore di contatti, ben collegato a tutti i livelli e soprattutto con i Democratici. Disgraziatamente, ha causato molti danni in più di un modo. […] Mentre prego esplicitamente ogni giorno per le vittime, non ho mai tenuto una categoria nella mia lista di preghiere per sacerdoti abusatori e vescovi delinquenti. Dovrei rimediare a questo, e ho pregato per Ted McCarrick, “olim cardinalis (un tempo cardinale)“.

“Quanto è successo a me non succeda ad un altro innocente” – Il “Prison Journal” termina con una preghiera riportata da La Stampa. Pell si augura infatti che “il mio appello abbia successo e che i miei amici e il mio gruppo di sostegno sapranno avere la saggezza di andare avanti nel modo più efficace per garantire che quello che è successo a me, non succeda ad un altro innocente australiano».

Un pensiero riguardo “George Pell scriveva in carcere: “La Chiesa ospedale da campo? No, deve mostrare come non ammalarsi”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...