Dalla piscina di Giovanni Paolo II all’addio del “pellegrino” Benedetto XVI, che fine ha fatto Castel Gandolfo?

Sequestrata dai Papi 500 anni fa, la residenza è entrata nei libri di storia il 28 febbraio 2013. Oggi si può visitare per volere di Francesco

Sequestrata 500 anni fa ad una nobile famiglia romana e restituita da cinque all’umanità. Questa la lunga marcia della residenza papale di Castel Gandolfo, immersa tra i Castelli Romani a sud della Capitale. Il Vaticano acquisì l’area nel 1596 dai Savelli che non erano riusciti ad onorare i loro debiti nei confronti della Chiesa. Fu un’altra nobile famiglia romana – i Barberini – a costruire il Palazzo Apostolico. In particolare, Papa Urbano VIII vi soggiornò nel 1626, poco prima della fine dei lavori. Urbano VIII che è ricordato per aver consacrato la nuova basilica di San Pietro ma anche disprezzato dai romani più insolenti con lo slogan “Quod non fecerunt barbari, fecerunt Barberini” (traduzione: ciò che non hanno fatto i barbari, lo hanno fatto i Barberini). Dopo Maffeo Vincenzo Barberini, Castel Gandolfo ha continuato la sua lunga tradizione dando riposo ai potenti della Terra: sede della villa romana dell’imperatore Domiziano, ha ospitato la piscina di Papa Giovanni Paolo II.

“Grazie e buona notte!” – Dopo il Papa polacco, Benedetto XVI ha fatto entrare Castel Gandolfo nei libri di storia. La sera del 28 febbraio 2013 Joseph Ratzinger si affacciò in Piazza della Libertà per la sua ultima apparizione pubblica da pontefice. Prima di benedire i fedeli, pronunciò queste parole a braccio: “Voi sapete che questo giorno mio è diverso da quelli precedenti: dopo le otto di sera non sarò più pontefice sommo della Chiesa Cattolica. Sono semplicemente un pellegrino che inizia l’ultima tappa del suo pellegrinaggio in questa Terra (…) Grazie a voi tutti, buona notte”.

“Le vacanze? Dormire e pregare” – Un saluto che rimanda idealmente a quel “Fratelli e sorelle, buonasera!” con cui Papa Francesco si presentò alla città di Roma il 13 marzo 2013. Dieci giorni dopo, Bergoglio si recò nei Castelli Romani per lo storico incontro con il suo predecessore. Ma poi ha interrotto la tradizione dei pontefici a Castel Gandolfo, importando in Vaticano la routine che aveva già da arcivescovo di Buenos Aires: non andare in vacanza. Il vaticanista Marco Politi ha raccontato che Bergoglio rispose così a chi gli consigliava di spostarsi e riposare per qualche giorno in Argentina: “E adesso andate un po’ tutti al diavolo”. Francesco dal 4 agosto ha ripreso le udienze generali del mercoledì anche perché per lui vacanza significa solamente “cambiare un po’ i ritmi, dormire di più, leggere le cose che mi piacciono e soprattutto pregare di più”.

Papa Francesco tornando dalla Corea del Sud racconta perché non va in vacanza

Morte e vita in una stanza – Se avesse scelto di recarsi a Castel Gandolfo, il Papa avrebbe potuto dedicarsi al dialogo con Dio in una cappella privata. Non una novità, del resto: per esempio, l’arcivescovo di Milano Mario Delpini ne ha una nel Seminario di Venegono Inferiore (Varese), dove è stato avvisato di recente in vacanza. La novità a Castel Gandolfo è invece data dalla possibilità di visitare la stanza privata del Papa per decisione di Francesco che nel 2016 ha aperto il suo appartamento ai visitatori. Che possono vedere il letto dove sono morti Pio XII e Paolo VI. Nelle stesse stanze (o addirittura nella stessa stanza) diverse donne ebree hanno partorito in segreto 40 bambini durante l’occupazione nazista della Seconda Guerra Mondiale. Che dire? Non resta che correre nei colli albani. I biglietti si possono comprare qui.

“Renzo era di quelli che si stancano più a star senza far nulla, che a lavorare”.

— Alessandro Manzoni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...