Papa Francesco, in Iraq il 50esimo viaggio. Una sola meta raggiunta due volte: Cuba

Allo stesso punto del pontificato, Benedetto XVI era fermo a 25. Bergoglio non ha passato nessuna notte in Argentina, Regno Unito, Germania e Francia.

I viaggi di Papa Francesco sono racchiusi sulla cartina tra la Svezia e il suo Sudamerica. Quasi a metà tra queste due latitudini si trova l’Iraq che porterà l’elenco dei Paesi visitati (Italia esclusa) da Jorge Mario Bergoglio a quota cinquanta. L’unica destinazione vista due volte? Cuba. Mentre il suo predecessore Benedetto XVI aveva incontrato tre volte gli spagnoli e due volte i tedeschi.

America Latina – Francesco non è mai stato invece in Argentina (a differenza di Wojtyla e Ratzinger che si recarono subito in Polonia e in Germania) ma ha visitato ben sette Stati del continente da cui proviene. Dal Brasile alla Colombia, dal Cile all’Ecuador. Non hanno mai incontrato il pontefice nemmeno l’Uruguay, il Venezuela di Nicolás Maduro e pochi altri Paesi più piccoli.

La visita di una favela nel primo viaggio di Francesco in Brasile

Dove c’è crisi lì c’è il Papa – Fioccano invece i viaggi in alcuni snodi geopolitici importanti. Prima dell’Iraq, Francesco ha raggiunto Israele e Palestina, Armenia e Azerbaijan. E nel Medio Oriente non può mancare la Turchia. Il successore di Pietro si è spinto anche ai confini della Russia atterrando in Georgia. Tutte aree con forti tensioni. La stessa attenzione alle periferie è stata seguita per quanto riguarda l’Europa. No alla Germania del suo predecessore Benedetto XVI. Sì alle frontiere del Vecchio Continente: i paesi balcanici fuori dall’Unione Europea (Macedonia del Nord, Bosnia Erzegovina e Albania); le repubbliche baltiche, la Svezia, la Polonia, la Romania e la Bulgaria ai confini con la Russia ortodossa; la penisola iberica con Spagna e Portogallo. E poi i luoghi della crisi migratoria nel Mediterraneo: Lampedusa (al primo viaggio) e l’isola greca Lesbo.

Manca (solo) la Cina – Passando alla sponda meridionale del Mare Nostrum, Francesco è stato alle sue estremità: Egitto e Marocco. E tra gli otto Paesi africani visitati solo due non sono bagnati dall’Oceano: l’Uganda e la Repubblica Centrafricana, peraltro visitati insieme. Un po’ più a Est c’è la penisola araba: Bergoglio è stato l’unico pontefice ad andarci quando si è recato negli Emirati Arabi Uniti per firmare il documento sulla fratellanza umana con il Grande Imam di Al-Azhar. L’ex arcivescovo di Buenos Aires non ha invece (ancora) inaugurato i viaggi papali in Cina nonostante l’Accordo sulla nomina dei vescovi del 2018; ha tuttavia girato sette paesi asiatici che la circondano: dal Giappone alla Corea del Sud, dal Myanmar (Bergoglio è stato il primo Papa a visitarlo) alla Thailandia.

12 viaggi in comune con Benedetto – Il confronto con il suo predecessore è particolarmente significativo in quanto Francesco ha fin qui regnato solo un mese e cinque giorni più di Benedetto XVI (che però era più vecchio di tre anni quando è stato eletto). Joseph Ratzinger ha visitato 25 Paesi (la metà di Bergoglio), di cui 13 europei (due in meno del suo successore). 12 invece i luoghi visitati da entrambi i Papi.

CITAZIONE DEL GIORNO:

“Lo scopo della NATO è di tenere dentro gli americani, fuori i russi e sotto i tedeschi.”

— Attribuita a Lord Hismay, primo segretario generale

Un pensiero riguardo “Papa Francesco, in Iraq il 50esimo viaggio. Una sola meta raggiunta due volte: Cuba

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...